2022 Comunicati stampa

 

Gli attivisti per il clima nutrono i delegati affamati della COP27 che non possono accedere a cibo di origine vegetale

Il team del Trattato Plant Based ha distribuito 300 hamburger vegani gratuiti nella Green Zone venerdì scorso e si aspetta un'enorme quantità di cibo lunedì.

13 novembre 2022

Contatti con i media e richieste di interviste:

Quando: Lunedì 13 novembre, ore 12:00 EET
Dove: Parco della Pace all'esterno della Zona Verde del COP27, Sharm el-Sheikh

Risorse multimediali

Sharm El Sheikh, 13 novembre 2022. Plant Based Treaty ha collaborato con il caffè vegano locale Veganist Sharm per distribuire centinaia di hamburger vegani gratuiti nella Green Zone ai delegati affamati della COP27 in cerca di pasti sani e rispettosi del clima. Venerdì 11 novembre, Nilgün Engin e il suo team hanno distribuito 300 hamburger in meno di due ore e, a grande richiesta, torneranno con 400 hamburger vegani lunedì 13 novembre nel Parco della Pace fuori dalla Zona Verde alle 12:00 EET.

Nilgün Engin, attivista del Trattato a base vegetale, afferma che:

"La scarsità di opzioni alimentari a base vegetale alla COP27 è sorprendente, visto che siamo a un vertice sul clima. Un terzo delle emissioni di gas serra proviene dall'alimentazione e la COP27 dovrebbe mostrare soluzioni alimentari a base vegetale rispettose del clima, invece di essere parte del problema".

Alla conferenza sul clima non c'è quasi nessuna offerta di pasti a base vegetale e rispettosi del clima. Il menu della COP27 è a base di manzopollo, pesce e prodotti caseari.

Yael Gabay, coordinatrice globale del Plant Based Treaty, afferma che

"I governi sono seduti qui a masticare carne mentre le emissioni alimentari stanno uccidendo il pianeta. C'è un odioso odore di carne quando si entra nella Zona Blu, dove si trovano tutti i delegati governativi! Stiamo lottando per il diritto di respirare. La risposta alla crisi climatica è nel nostro piatto".

Sfondo

Una coalizione di pressione dal basso verso l'alto, composta da individui, gruppi, imprese e città, chiede un trattato globale Trattato a base vegetale con tre principi fondamentali per (1) rinunciare all'espansione dell'agricoltura animale, (2) promuovere il passaggio a diete sane e sostenibili a base vegetale attraverso l'educazione pubblica e il riorientamento della dieta. reindirizzare sovvenzioni e tassazione, e (3) riforestare e rivitalizzare la Terra e ripristinare di carbonio per assorbire il carbonio dall'atmosfera. I governi sono stati esortati a sostenere la giustizia alimentare, ad aiutare gli agricoltori in una giusta transizione verso un'agricoltura agroecologica basata sulle piante e di riforestare la Terra in modo da poter vivere in modo sicuro ed etico all'interno dei nostri confini planetari.

Il Plant Based Treaty è stato approvato da oltre 60.000 persone, 2000 gruppi e aziende e da 20 città, tra cui l'ultima a firmare, Los Angeles.