2022 Comunicati stampa

 

Gli attivisti per il clima riempiono la città per chiedere soluzioni vegane alla crisi climatica a un anno dal lancio del Trattato Plant Based

Contatti con i media:
Anita Krajnc: 416-825-6080 [email protected]
James O'Toole: [email protected]

File multimediali: Video e foto

Per celebrare l'anniversario di un anno del Trattato a base vegetale più di 100 città in tutto il mondo, tra cui Toronto, Tel a Viv, Città del Messico, Buenos Aires, Montevideo, Santiago, Lima, Los Angeles, Mumbai, Bristol e Napoli, ospiteranno un evento globale di Evento Seed the City.

Gli attivisti per il clima distribuiranno migliaia di bustine di semi di ortaggi e di erbe aromatiche fuori dai municipi per incoraggiare i cittadini a coltivare il proprio cibo e a migliorare l'accesso a un'alimentazione sana e sostenibile. Chiedono ai consigli comunali di approvare il Trattato sui Prodotti Vegetali per affrontare le emissioni derivanti dall'agricoltura animale e la deforestazione, uno dei fattori chiave dell'emergenza climatica. 

Anita Krajnc di Plant Based Treaty afferma: "Attraverso la nostra campagna mondiale Seed the City, distribuiremo migliaia di bustine di cavolo, prezzemolo e altri semi che la comunità potrà coltivare nei propri orti o davanzali. Gli attivisti del Trattato Plant Based collaborano con le città per promuovere la sicurezza alimentare e l'accessibilità a cibi sani a base vegetale, al fine di promuovere l'importanza di mitigare la crisi climatica coltivando ortaggi biologici negli orti comunitari e nei frutteti cittadini. Tutti noi possiamo essere parte della soluzione e combattere il cambiamento climatico con un cambiamento di dieta, coltivando il nostro cibo".

Varun Virlan di Toronto Climate Save, che parteciperà all'evento di oggi, afferma: "Dobbiamo ridurre le emissioni provenienti dall'agricoltura animale per evitare un aumento della temperatura superiore a 1,5C. I dati esaminati dall'IPCC dimostrano che una dieta vegana è ottimale per il pianeta. Esortiamo le città di tutto il mondo a seguire la scienza climatica disponibile, ad approvare il Trattato Plant Based e a dare priorità alle soluzioni alimentari a base vegetale nel nostro piano d'azione per il clima".  

Il Trattato Plant Based, che propone il passaggio a un sistema alimentare a base vegetale, è sostenuto da 18 amministrazioni comunali in tutto il mondo, tra cui Buenos Aires, Rosario e Boynton Beach in Florida.

Il trattato ha attirato sostenitori famosi come Paul, Mary e Stella McCartney, che in una dichiarazione congiunta hanno affermato: "Crediamo nella giustizia per gli animali, l'ambiente e le persone. Per questo sosteniamo il Trattato sui prodotti vegetali e invitiamo i singoli e i governi a firmarlo".

Anche l'artista internazionale Moby ha mostrato il suo sostegno e ha dichiarato: "Siamo di fronte a una catastrofe climatica e soprattutto a un'emergenza metano. Tutti noi possiamo fare la differenza. Combattere il cambiamento climatico semplicemente cambiando la dieta. Quindi, vi prego di unirvi a me e di approvare e sostenere il Trattato Plant Based".

www.plantbasedtreaty.org

Sfondo

Il Trattato sui prodotti vegetali è modellato sul Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili e si ispira ai trattati che hanno affrontato minacce come l'esaurimento dello strato di ozono. 

Il movimento globale chiede alle città di sottoscrivere il Trattato Plant Based per contribuire a fare pressione sui governi nazionali affinché negozino un trattato globale:

  1. Fermare l'espansione globale della deforestazione attribuita all'agricoltura animale.
  2. Incentivare un sistema alimentare a base vegetale.
  3. Incoraggiare campagne di informazione pubblica sui benefici degli alimenti di origine vegetale.
  4. Liberare la terra per rivitalizzarla e riforestarla.
  5. Consentire una giusta transizione verso posti di lavoro più sostenibili, persone più sane e un pianeta più sano.