2022 Comunicati stampa

 

Il Movimento per la salvezza

Le emissioni alimentari sono all'ordine del giorno della COP27, ma le Parti seguiranno la scienza dell'IPCC e negozieranno una transizione alimentare a base vegetale in questo decennio?

Il Plant Based Treaty pubblica un itinerario e sei documenti di posizione in vista dei negoziati sul clima delle Nazioni Unite

  • Una delegazione di sette rappresentanti del Plant Based Treaty parteciperà alla COP27 a Sharm El Sheikh. SheikhEgitto. Si tratta di un team globale: Yael Gabay da Israele e Hoshimi Sakai dalla Georgia (capi delegazione), Aprajita Ashish dall'India, Nilgün Engin dalla Turchia, Maximilian Weiss e Ludmila Widmer dalla Germania e Lia Phillips dal Regno Unito.

     

  • Yael Gabay, coordinatrice della campagna Plant Based Treaty, afferma: "Andrò alla COP27 per ricordare ai delegati e alle principali parti interessate che i sistemi alimentari devono essere messi in primo piano in tutti i negoziati sul clima. È imperativo per la nostra sopravvivenza passare a una dieta a base vegetale, abbandonare l'agricoltura animale e negoziare un Trattato globale a base vegetale".

     

  • Aprajita Ashish, attivista del Trattato Plant Based, afferma: "La natura non piange con le lacrime, ma piange attraverso gli incendi delle foreste, gli ettari di terra sterile disboscata e i cicli di pioggia mutevoli. La crisi climatica è reale e dobbiamo porre fine ai combustibili fossili e all'agricoltura animale in questo decennio per evitare la catastrofe".

     

  • Nilgün Engin, attivista del Trattato sui prodotti a base vegetale, afferma: "La crisi climatica ci sta colpendo ora e sento il dovere di fare tutto il possibile per fermarla. Negoziare un Trattato a base vegetale è essenziale per combattere la crisi ed è imperativo che la COP27 abbracci le soluzioni a base vegetale e riconosca il ruolo dell'agricoltura animale."

     

  • Ludmila Widmer, attivista del Trattato Plant Based, afferma: "L'agricoltura animale è molto trascurata come principale responsabile della crisi climatica nel panorama politico, anche se la scienza è chiara. Siamo qui per assicurarci che non venga più ignorata e che si negozi seriamente una transizione verso sistemi alimentari a base vegetale".

     

  • La loro missione è assicurarsi che la scienza climatica sull'emergenza metano, l'uso del suolo e l'agricoltura agroecologica a base vegetale siano comunicati correttamente. Se passassimo a un'alimentazione a base vegetale, potremmo ridurre l'uso del suolo del 76%, consentendoci di ricostituire i bacini di assorbimento del carbonio.

     

  • Il Trattato Plant Based ha pubblicato sei documenti scientifici Documenti di posizione chiedendo soluzioni a base vegetale. I documenti di posizione si basano sul lavoro dell'IPCC e su quello di George Monbiot. Regenesi (Allen Lane, 2022).

     

  • Monbiot, giornalista e autore britannico noto per il suo lavoro su questioni ambientali e politiche, è presente in ciascuno dei documenti di posizione e mostra come l'uso del suolo sia il problema ambientale più importante che dobbiamo affrontare. Ogni ettaro di terra che utilizziamo per le industrie estrattive è un ettaro che non può sostenere le foreste selvatiche, le savane, le zone umide, le praterie naturali e altri ecosistemi cruciali. E l'agricoltura inghiotte molta più terra di qualsiasi altra attività umana".

     

  • Ci saranno opportunità per i media, per le foto e per le interviste durante gli eventi collaterali, le conferenze stampa e le azioni.
Itinerario

Conferenze stampa sul trattato a base vegetale
Quando: Domenica 6 novembre, 14:30 - 15:00 EET
Dove: Zona Blu, Sala Conferenze Stampa - Luxor Area B
Titolo: Trattato a base vegetale: Cosa ci aspettiamo dalla COP27

Quando: Mercoledì 9 novembre, 14:00 - 14:30 EET
Dove: Zona Blu, Sala Conferenze Stampa - Luxor Area B
Titolo: Il Trattato sulle piante chiede un Trattato sul suolo come azione necessaria per il clima

Quando: Giovedì 17 novembre, 18:00 - 18:30 EET
Dove: Zona Blu, Padiglione Turco
Titolo: Trattato a base vegetale: Soluzioni alla crisi climatica

Quando: Venerdì 18 novembre, 16:30 - 17:00 EET
Dove: Zona Blu, Sala Conferenze Stampa - Luxor Area B
Titolo: La COP27 ha affrontato la mucca nella stanza?

Pannelli ed eventi del Trattato a base vegetale
Quando: Martedì 8 novembre, 18:00 - 19:30 EET
Dove: Zona Blu, Padiglione Food4Climate
Cosa: Aprajita Ashish, attivista del Trattato Plant Based, si unisce a Oatly e Proveg International per una tavola rotonda: "Giovani voci sull'urgente necessità di trasformare il sistema alimentare".

Quando: Giovedì 10 novembre, 09.30 EET
Dove: Zona Blu, Padiglione Food4Climate
Cosa: Campagna per il Trattato a base vegetale Nilgün Engin si unisce al think tank di ricerca IPES Foods e alla World Animal Protection per discutere della campagna cittadina Plant Based Treaty

Quando: Giovedì 16 novembre, 13.15 - 14.30 EET
Dove: Zona Blu, Padiglione Food4Climate
Cosa: Evento collaterale del Trattato Plant Based. Ospiti Aprajita Ashish, Nilgün EnginMax Weiss e Hoshimi Sakai discuteranno del perché abbiamo bisogno di un Trattato a base vegetale.

Sfondo

Una coalizione di pressione dal basso verso l'alto, composta da individui, gruppi, imprese e città, chiede un trattato globale Trattato a base vegetale con tre principi fondamentali per (1) rinunciare all'espansione dell'agricoltura animale, (2) promuovere il passaggio a diete sane e sostenibili a base vegetale attraverso l'educazione pubblica e il riorientamento della dieta. reindirizzare sovvenzioni e tassazione, e (3) riforestare e rivitalizzare la Terra e ripristinare di carbonio per assorbire il carbonio dall'atmosfera. I governi sono stati esortati a sostenere la giustizia alimentare, ad aiutare gli agricoltori in una giusta transizione all'agricoltura agroecologica basata sulle piante e a riforestare la Terra in modo da poter vivere in modo sicuro ed etico all'interno dei nostri confini planetari.

Il Trattato Plant Based è stato approvato da 60.000 persone, 2000 gruppi e aziende e da 20 città, tra cui l'ultima a firmare, Los Angeles.

Contatti con i media Richieste di interviste:
Egitto: [email protected] e [email protected]
Globale: [email protected]