COMUNICATI STAMPA | 2024

Exmouth firma un trattato a base vegetale per ridurre l'impronta di carbonio della città

Il Consiglio si impegna a offrire un catering a base vegetale agli eventi sul clima e alle iniziative di informazione pubblica presso le istituzioni locali.

EXMOUTH, Regno Unito (10 gennaio 2024) - Exmouth è diventato il quinto consiglio comunale del Regno Unito a sottoscrivere la richiesta di un trattato globale a base vegetale per affrontare l'impatto del cibo sull'emergenza climatica, unendosi ai leader climatici di Edimburgo, Norwich, Lambeth e Haywards Heath.

In una dichiarazione rilasciata dal Consiglio comunale di Exmouth, si legge: "Il Consiglio comunale di Exmouth ha dichiarato il proprio impegno a rendere Exmouth più pulita, più verde e più sana, aderendo all'appello per il Trattato a base vegetale. Questa adesione è stata fatta nell'ambito del Piano d'azione per il clima, che mira a combattere la crisi climatica e a rendere la città una fiorente comunità a zero emissioni di carbonio".

Louise Venables, residente a Exmouth e consigliere comunale, ha espresso il suo orgoglio per gli sforzi compiuti dalla città per diventare una comunità a zero emissioni di carbonio e per l'importanza di approvare il Plant Based Treaty in un momento critico: "Passare a una dieta sempre più a base vegetale è la più semplice e la più efficace delle azioni che possiamo intraprendere per ridurre le nostre emissioni di carbonio. Le diete a base vegetale possono anche migliorare la salute, tutelare la biodiversità, migliorare il benessere degli animali ed essere economicamente vantaggiose. Vogliamo che le persone siano pienamente informate sull'impatto della dieta sull'ambiente e che siano in grado di fare scelte alimentari ponderate e di essere supportate nel passaggio a una dieta più incentrata sui vegetali".

Contatti con i media:

File multimediali: Scarica qui

Contatti con i media:

File multimediali: Scarica qui

EXMOUTH, Regno Unito (10 gennaio 2024) - Exmouth è diventato il quinto consiglio comunale del Regno Unito a sottoscrivere la richiesta di un trattato globale a base vegetale per affrontare l'impatto del cibo sull'emergenza climatica, unendosi ai leader climatici di Edimburgo, Norwich, Lambeth e Haywards Heath.

In una dichiarazione rilasciata dal Consiglio comunale di Exmouth, si legge: "Il Consiglio comunale di Exmouth ha dichiarato il proprio impegno a rendere Exmouth più pulita, più verde e più sana, aderendo all'appello per il Trattato a base vegetale. Questa adesione è stata fatta nell'ambito del Piano d'azione per il clima, che mira a combattere la crisi climatica e a rendere la città una fiorente comunità a zero emissioni di carbonio".

Louise Venables, residente a Exmouth e consigliere comunale, ha espresso il suo orgoglio per gli sforzi compiuti dalla città per diventare una comunità a zero emissioni di carbonio e per l'importanza di approvare il Plant Based Treaty in un momento critico: "Passare a una dieta sempre più a base vegetale è la più semplice e la più efficace delle azioni che possiamo intraprendere per ridurre le nostre emissioni di carbonio. Le diete a base vegetale possono anche migliorare la salute, tutelare la biodiversità, migliorare il benessere degli animali ed essere economicamente vantaggiose. Vogliamo che le persone siano pienamente informate sull'impatto della dieta sull'ambiente e che siano in grado di fare scelte alimentari ponderate e di essere supportate nel passaggio a una dieta più incentrata sui vegetali".

Andrew Garner, attivista del Plant Based Treaty UK, ha dichiarato: "Il 2023 è stato l'anno più caldo del mondo e Exmouth ha giustamente riconosciuto l'importanza delle soluzioni alimentari a base vegetale e del rewilding per affrontare le molteplici crisi planetarie. La loro leadership in materia di clima nel chiedere un trattato a base vegetale offre la speranza di poter affrontare le emissioni alimentari che rappresentano un terzo delle emissioni di gas serra. L'adozione di una dieta a base vegetale può ridurre del 75% le emissioni alimentari, l'uso dell'acqua e del suolo e dobbiamo vedere un numero maggiore di città che si uniscono a loro per abbandonare rapidamente le nostre diete ad alta intensità di carne e latticini".

Nel Trattato a base vegetale mozioneapprovata in occasione della riunione del Consiglio comunale di dicembre, Exmouth si è impegnata ad adottare una serie di politiche alimentari a base vegetale e di rinaturalizzazione:

Promuovere gli alimenti di origine vegetale.

  • Includere nel nostro Piano d'Azione per il Clima campagne/attività per incoraggiare il passaggio ad alimenti di origine vegetale.
  • Realizzazione di campagne di informazione pubblica per aumentare la consapevolezza e la conoscenza riguardo ai vantaggi climatico ambientali e ai benefici per la salute di cibo, nutrizione e cucina a base vegetale
  • Ridurre il consumo di alimenti di origine animale da parte del pubblico attraverso l'educazione nelle scuole, nelle organizzazioni e nelle aziende locali.
  • Passare a piani alimentari a base vegetale quando si organizzano catering per riunioni, eventi, ecc. legati al clima.

Contribuire a ripristinare gli ecosistemi chiave e a riforestare la terra.

  • Sostenere i progetti di riforestazione e convocare un forum sugli alberi per fornire trasparenza e incoraggiare la collaborazione tra le parti interessate a Exmouth.
  • Spostamento dell'attenzione sulle soluzioni basate sulla natura per la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici (nel ruolo di pianificazione consultiva dell'ETC)
  • Città: sostenere le iniziative per aumentare gli alberi e i fiori selvatici, incrementare i progetti di comunità verdi , i corridoi per la fauna selvatica, i tetti verdi, i programmi di coltivazione locale, lavorare per aumentare la biodiversità (nel nostro ruolo consultivo di pianificazione e nella nostra politica ambientale).
  • Migliorare la giustizia alimentare sostenendo progetti che forniscano l'accesso a cibi sani per tutti, in particolare per le comunità a basso reddito (sostenere progetti come Mushroom, una rete di comunità alimentari a Exmouth)

    Il contesto
    Il Trattato sui prodotti vegetali è modellato sul Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili e si ispira ai trattati che hanno affrontato le minacce dell'esaurimento dello strato di ozono e delle armi nucleari. È stato approvato da 24 comuni in tutto il mondo, tra cui Edimburgo, Norwich, Lambeth, Exmouth, Haywards Heath e Los Angeles.

    Dal suo lancio nell'agosto 2021, l'iniziativa ha ricevuto il sostegno di 130.000 sostenitori individuali, 5 premi Nobel, scienziati dell'IPCC e più di 3.000 gruppi e aziende, tra cui Veganuary, Ecotricity, Linda McCartney Foods, Plant Based Health Professionals, UK Health Alliance on Climate Change e capitoli di Greenpeace e Friends of Earth.

    Il Trattato sui Prodotti Vegetali ha ottenuto l'appoggio di personalità di alto profilo, tra cui Chris Packham e Paul, Mary e Stella McCartney, che hanno rilasciato una dichiarazione scritta in cui invitano i politici a sostenere il Trattato sui Prodotti Vegetali. Hanno dichiarato: "Crediamo nella giustizia per gli animali, l'ambiente e le persone. Per questo sosteniamo il Trattato sui prodotti a base vegetale e invitiamo i singoli e i governi a firmarlo".

    Il Trattato Plant Based è stato pubblicato...

    Altro dal Centro stampa