2022 Comunicati stampa

 

Il Movimento per la salvezza

Conferenza stampa e domande e risposte: Plant Based Treaty chiede un trattato sul suolo come azione necessaria per il clima

Proteggere il secondo più grande serbatoio di carbonio della Terra con un passaggio a diete a base vegetale

9 novembre 2022

Quando: Mercoledì 9 novembre, 14:00 - 14:30 EET
Dove: Zona Blu, Sala Conferenze Stampa - Luxor Area B
Livestream: https://unfccc-events-api.azureedge.net/sites/default/files/event/3e5125fd-4d17-47c9-9c77-6083dbea38decop27-87782-1-press2-fl.mp4

Contatti con i media e richieste di interviste:

Risorse multimediali

Sharm El Sheik, 9 novembre 2022. A seguito della pubblicazione di un Trattato a base vegetale documento di posizione Critica per la sopravvivenza, ma trattata come sporcizia: come un Trattato sul suolo può salvare il mondogli attivisti per il clima terranno una conferenza stampa per chiedere una rapida transizione verso diete a base vegetale e la negoziazione di un Trattato sul suolo alla COP27.

Le radici del Trattato sul suolo

La proposta di un Trattato sul Suolo è stata ispirata dal libro di George Monbiot Regenesi, Nutrire il mondo senza divorare il pianeta. Un'indicazione di quanto abbiamo trascurato l'ecosistema che è alla base della nostra vita è che, mentre esistono trattati internazionali sulle telecomunicazioni, sull'aviazione civile, sulle garanzie di investimento, sulla proprietà intellettuale, sulle sostanze psicotrope e sul doping nello sport, non esiste un trattato globale sul suolo. L'implicita convinzione che questo sistema complesso e scarsamente compreso possa resistere a tutto ciò che gli gettiamo addosso e continuare a sostenerci potrebbe essere la più pericolosa delle nostre ipotesi sul sistema alimentare globale".

Il degrado del suolo è una minaccia significativa per la nostra sopravvivenza futura. Il 52% dei suoli del mondo è già degradato, il che rappresenta un grave rischio per la sicurezza alimentare. In base alle traiettorie attuali, il 90% del suolo mondiale sarà degradato entro il 2050 se non si prenderanno provvedimenti urgenti e necessari. Monbiot osserva che "invece di sviluppare nuove politiche per proteggere i nostri suoli, i nostri governi ne stanno accelerando la distruzione".

Il documento evidenzia gli studi che dimostrano costantemente che il pascolo degli animali d'allevamento è dannoso per gli ecosistemi in generale, anche quando viene effettuato con approcci cosiddetti "rigenerativi". Un articolo di revisione ha rilevato che l'abbondanza e la diversità di quasi tutti i gruppi animali aumentano una volta rimossi gli animali da pascolo. 

Soluzioni per il suolo per un nuovo trattato globale

"La terra è stata ampiamente spogliata per far pascolare gli animali destinati al consumo umano o per coltivare in modo intensivo monocolture su larga scala per la produzione di mangimi per animali come soia e mais", ha dichiarato Nilgun Engin, attivista del Trattato Plant Based, "Se passassimo a una dieta a base vegetale, potremmo ridurre l'uso della terra del 76% e ripristinare il suolo e la biodiversità".

Abbiamo bisogno di un passaggio ai cosiddetti "stock free" [sic, senza animali], all'agricoltura vegana, agli approcci senza "lavorazione del terreno", all'aggiunta di pacciame come il compost, all'utilizzo della permacultura e dei principi agroecologici basati sulla natura, alla prevenzione dell'erosione del suolo, all'utilizzo di colture perenni e alla creazione di foreste alimentari. L'adozione di un'agricoltura riparativa basata sulle piante può migliorare e proteggere attivamente il suolo, fornendo al tempo stesso cibo coltivato localmente, nutriente e resistente.

George Monbiotautore di Regenesi ha chiesto la fine dell'agricoltura animale attraverso il passaggio a diete sostenibili a base vegetale e alla fermentazione di precisione. Ho appoggiato il Plant Based Treaty, che esorta i leader a riconoscere l'agricoltura animale come causa principale del cambiamento climatico e promuove il passaggio a diete vegane sostenibili. Se gli organizzatori della COP27 sono seriamente intenzionati a prevenire un'imminente catastrofe climatica, devono affrontare l'elefante nella stanza: finché alleviamo e uccidiamo animali per il cibo, stiamo mettendo a rischio il nostro futuro".

Sfondo

Una coalizione di pressione dal basso verso l'alto, composta da individui, gruppi, imprese e città, chiede un trattato globale Trattato a base vegetale con tre principi fondamentali per (1) rinunciare all'espansione dell'agricoltura animale, (2) promuovere il passaggio a diete sane e sostenibili a base vegetale attraverso l'educazione pubblica e il riorientamento della dieta. reindirizzare sovvenzioni e tassazione, e (3) riforestare e rivitalizzare la Terra e ripristinare di carbonio per assorbire il carbonio dall'atmosfera. I governi sono stati esortati a sostenere la giustizia alimentare, ad aiutare gli agricoltori in una giusta transizione all'agricoltura agroecologica basata sulle piante e a riforestare la Terra in modo da poter vivere in modo sicuro ed etico all'interno dei nostri confini planetari.

Il Trattato Plant Based è stato approvato da 60.000 persone, 2000 gruppi e aziende e da 20 città, tra cui l'ultima a firmare, Los Angeles.