2023 Comunicati stampa

 

I leader interreligiosi esortano il Papa a includere la gentilezza verso gli animali nell'enciclica del 4 ottobre

Contatti con i media:

  • Coordinatore della campagna globale del Trattato sui prodotti vegetaliAnita Krajnc, [email protected], +1 416-825-6080
  • Direttore della comunicazione del Trattato Plant Based, Nicola Harris, [email protected], +44 7597514343
  • In difesa degli animali, Lisa Levinson, cofondatrice della Interfaith Vegan Coalition, [email protected], 215-620-2130
  • Cristiani per gli Animali - Polonia, Prof. Barbara Niedzwiedzka, [email protected], +48 608 376 667

CITTÀ DEL VATICANO (21 settembre 2023) - La Coalizione interreligiosa vegana in difesa degli animali e Trattato a base vegetale hanno inviato una lettera in cui esprimono la speranza che Papa Francesco includa il trattamento compassionevole degli animali che soffrono nell'agricoltura animale nella sua prossima enciclica ecologica del 4 ottobre..

La lettera è stata inviata da oltre 50 persone e organizzazioni religiose che cercano di migliorare l'atteggiamento umano nei confronti degli animali e della natura, a beneficio di tutta la vita sulla Terra. Si aspettano che il seguito dell'Enciclica Laudato Si', che già insegna all'umanità il valore intrinseco di tutte le creature di Dio, definisca l'interazione umana con gli animali e la natura come la causa principale delle emergenze climatiche ed ecologiche che il nostro mondo si trova ad affrontare.

Papa Francesco afferma nell'Enciclica Laudato Si', paragrafo 221: "Leggiamo nel Vangelo che Gesù dice degli uccelli del cielo che 'nessuno di loro è dimenticato davanti a Dio'. Come possiamo dunque maltrattarli o fare loro del male?". Eppure ogni anno miliardi di galline vengono trattate in modo orribile negli allevamenti industriali.

I firmatari avvertono che anche se ponessimo fine all'estrazione di combustibili fossili oggi, le emissioni di gas a effetto serra prodotte dal sistema alimentare da sole farebbero salire la temperatura globale oltre 1,5 C di riscaldamento. Le diete a base vegetale, che comportano il 75% in meno di emissioni alimentari, di inquinamento idrico e di sfruttamento del suolo rispetto alle diete che contengono 100 grammi di carne al giorno, devono far parte di questa nuova visione. Le diete a base vegetale possono anche ridurre la distruzione della fauna selvatica del 66% e l'uso dell'acqua del 54%. Non può esistere un'ecologia integrale senza riparare il nostro rapporto con gli animali e la natura, affermano i sottoscritti.

Nella lettera si legge:

Dobbiamo porre fine alla nostra violenza sugli animali e smettere di di ucciderli per il cibo, ovunque siano possibili e prontamente disponibili opzioni a base vegetale. Non dobbiamo non far soffrire e morire gli animali per il nostro divertimento, per inutili esperimenti scientifici, per sport come la caccia e la pesca o per qualsiasi altro motivo. Siamo chiamati a mostrare misericordia, compassione e cura della vita a tutta la creazione di Dio.

Dobbiamo compiere un passo insolitamente significativo nell'evoluzione della nostra moralità e iniziare a vedere gli animali e la natura come li vede il loro Creatore. Solo così potremo adempiere alla responsabilità che ci è stata ordinata, il dovere di gestione degli esseri umani per garantire la prosperità di tutta la vita. Gli animali da allevamento rappresentano il 62% della biomassa mondiale di mammiferi, gli esseri umani il 34% e i mammiferi selvatici solo il 4%. Dobbiamo affrontare questo squilibrio e ricollegare la fede alla preoccupazione per le creature di Dio. Come i primi santi che vivevano in amicizia con gli animali e tutta la natura, anche noi dobbiamo vivere in pace con essa. Solo allora potremo attuare realisticamente gli insegnamenti papali sulla cura della nostra casa comune.

Leggi la lettera completa e l'elenco completo dei firmatari qui. La lettera è disponibile anche in italiano e polacco.

"La nostra Coalizione Vegana Interreligiosa è rincuorata dalla preoccupazione di Papa Francesco per l'ambiente e spera che la sua prossima Enciclica includa la misericordia per gli animali che soffrono negli allevamenti industriali che inquinano il nostro pianeta", afferma Lisa Levinson, Coalizione Vegana Interreligiosa Cofondatrice e direttrice delle campagne di In difesa degli animali.

Nicola Harris, direttore delle comunicazioni del Trattato a base vegetale"Con la notizia che sei dei nove confini planetari sono stati violati, mettendo a rischio la stabilità della Terra, la necessità di un sistema alimentare a base vegetale è più urgente che mai".

Barbara Niedzwiedzka, di Cristiani per gli animali - Polonia, dice: "Nelle parole di Albert Schweitzer, 'Finché non estendiamo il nostro cerchio di compassione a tutti gli esseri viventi, l'umanità non troverà la pace'. Aggiungerei che l'atteggiamento compassionevole e misericordioso di Gesù non dovrebbe essere applicato solo agli esseri umani, ma a tutti coloro che sono più deboli e vulnerabili. Dovremmo essere per le altre creature ciò che Cristo è per noi. E, se non cambiamo rapidamente il nostro atteggiamento nei confronti degli altri abitanti della Terra, se non smettiamo di sfruttarli in modo insensibile e crudele, non impediremo la catastrofe climatica e ambientale. Periremo tutti e Dio ci giudicherà. Intorno al trono del Giudice siederanno... gli animali".

Virginia Bell di Azione Cattolica per gli AnimaliSe accettiamo l'esortazione di San Francesco d'Assisi: "Non fare del male ai nostri umili fratelli (gli animali) è il nostro primo dovere verso di loro, ma fermarsi a questo non è sufficiente. Abbiamo una missione più alta: essere al loro servizio ogni volta che lo richiedono", allora dobbiamo trattare ogni animale in difficoltà come un nostro vicino".

In difesa degli animali ha dato vita alla Coalizione interreligiosa vegana per aiutare gli animalisti e i leader spirituali a portare i valori vegani nelle comunità spirituali, etiche e religiose. La coalizione fornisce strumenti basati sulla fede per aiutare tutte le tradizioni di fede e di saggezza tradizioni sapienziali secolari a praticare gli ideali di nonviolenza, amorevolezza e innocuità verso tutti gli animali. La coalizione è composta da 43 organizzazioni organizzazioni membri, 4 organizzazioni alleate e un'organizzazione partner Alleanza interreligiosa per gli animali che comprende 17 organizzazioni, che lavorano in armonia per una causa comune.

Come accompagnamento all'UNFCCC/Accordo di Parigi, il Trattato sui prodotti vegetali mira a fermare il degrado diffuso degli ecosistemi critici causato dall'agricoltura animale, a promuovere il passaggio a diete più sane e sostenibili a base vegetale e a invertire attivamente i danni causati alle funzioni planetarie, ai servizi ecosistemici e alla biodiversità.

### NOTE ###

Lettera a Papa Francesco della Coalizione Vegana Interreligiosa e del Trattato Vegetale: 

Firmatari della Coalizione Vegana Interreligiosa:

Il Plant-Based Treaty è un'iniziativa di base che chiede ai governi nazionali di negoziare un trattato internazionale di riferimento, il primo nel suo genere, che metta i sistemi alimentari al centro della lotta alla crisi climatica. www.plantbasedtreaty.org

In difesa degli animali è un'organizzazione internazionale per la protezione degli animali con oltre 250.000 sostenitori e una storia di 40 anni di lotta per gli animali, le persone e l'ambiente attraverso l'educazione e le campagne, oltre a strutture di soccorso in California, India, Corea del Sud e Mississippi rurale. www.idausa.org

La Coalizione interreligiosa vegana (IVC) aiuta gli attivisti animalisti e i leader spirituali a portare i valori vegani nelle comunità spirituali, etiche e religiose. L'IVC fornisce strumenti per aiutare tutte le tradizioni di fede e di saggezza secolare a praticare gli ideali di nonviolenza, amorevolezza e innocuità verso tutti gli animali. www.interfaithvegancoalition.org