2023 Comunicati stampa

La protesta di una coalizione di gruppi chiede un Trattato Plant Based da negoziare alla COP28

Contatti con i media:

Dubai:
Enric Noguera: +34 608 77 90 05, [email protected]
Steven George: +31 6 48072566, [email protected]

Globale:
[email protected]

File multimediali: https://drive.google.com/drive/folders/1DzYCnX5w_IDgfeKgaQQ8LU1lKg0jH0p3 

9 dicembre 2023, Emirati Arabi Uniti - Una coalizione di gruppi che chiede di negoziare un trattato sulle piante alla COP28 ha manifestato questa mattina all'ingresso principale della zona blu.

COBASE, which focuses on how to design natural cities, and the Gherush92 Committee for Human Rights, joined the Plant Based Treaty protest. People stopped by to watch and film the protest.

Plant Based Treaty science ambassadors Steven George and Joy van Breda did outreach to promote our new Safe and Just report, and people were asking for our colourful fliers.

Placards reading “Sign the Plant Based Treaty” were in several different languages, including Arabic, Spanish, Turkish, Japanese and Georgian.

“The emissions from the food system alone will put the 1.5 and 2C climate target out of reach – we need a safe and just transition of our food system to keep us safe within our planetary boundaries, which is also socially just that gives everyone a voice and brings everyone to the table,” said Steven George, science ambassador for the Plant Based Treaty.

Enric Noguera from Plant Based Treaty Netherlands said, “We organized this protest to advocate for a just system that looks at solutions in a holistic way, including animals, nature, and people. We advocated for nations to negotiate a Plant Based Treaty that helps guide the much-needed, and urgent, transition of our food systems from destructive animal agriculture toward a truly fair, healthy, and sustainable food system.”

Sfondo

Il sito Trattato Plant Based ha lo status di osservatore ufficiale delle Nazioni Unite ed è candidato al Premio Colpo di Terra 2024. L'iniziativa si ispira ai trattati che hanno affrontato le minacce dell'assottigliamento dello strato di ozono e delle armi nucleari ed è stata approvata da 22 città, tra cui Edimburgo, Los Angeles e Didim, in Turchia, e ha attirato il sostegno di 120.000 sostenitori individuali, 5 premi Nobel, scienziati dell'IPCC e oltre 3.000 gruppi e aziende, tra cui l'Alleanza per la salute sul cambiamento climatico del Regno Unito e le sezioni di Greenpeace e Amici della Terra.

Il sito Trattato Plant Based ha ottenuto l'appoggio di personalità di alto profilo, tra cui Chris Packham e Paul, Mary e Stella McCartney, che hanno rilasciato una dichiarazione scritta in cui invitano i politici a sostenere il sito Trattato Plant Based: "Crediamo nella giustizia per gli animali, l'ambiente e le persone. Per questo sosteniamo il sito Trattato Plant Based e invitiamo i singoli e i governi a firmarlo".

www.plantbasedtreaty.org