2023 Comunicati stampa

Il Movimento per la salvezza

I manifestanti chiedono: "Mettete la carne in agenda, non nel menu!" alla COP28

Contatti con i media:

Dubai:
Hoshimi Sakai: +81 90-9185-0819
Enric Noguera: +34 608 77 90 05

Globale:
[email protected]

File multimediali: https://drive.google.com/drive/folders/1zQ67jjI_JSWKaNUYMacgaiqyAWN-STIh

6 dicembre 2023, Emirati Arabi Uniti - Dubai , 6 dicembre 2023, gli attivisti per il clima si sono riuniti all'ingresso della Zona Blu della COP 28 per chiedere la negoziazione di un Trattato globale a base vegetale come accompagnamento all'Accordo di Parigi e per affrontare le violazioni dei cinque confini planetari.

Hoshimi Sakai ha dichiarato: "Questa è la prima COP in cui vengono affrontati i sistemi alimentari. Deve essere un sistema alimentare a base vegetale equo e giusto, che non solo si prenda cura della nostra salute, ma anche di quella del pianeta. È urgente, tutti devono firmare il Trattato a base vegetale e la COP29 deve essere al 100% vegana".

Gli attivisti del Trattato Plant Based sono stati sentiti cantare: "Smettete di infrangere i confini planetari! Smettete di ignorare la mucca nella stanza! Mettete la carne all'ordine del giorno, non nel menu! e Rompete il silenzio!". Gli attivisti tenevano in mano cartelli con la scritta "Firma il Trattato sui prodotti a base vegetale".

Domenica 10 dicembre 2023 alle ore 14.30 GST, COP28, Sala Conferenze 2, Zona B6 - Edificio 77, il Plant Based Treaty terrà una conferenza stampa per lanciare il suo Rapporto Safe and Just, che offre un quadro di riferimento per affrontare l'impatto del cibo sul clima e altri confini planetari e include risposte politiche coraggiose per una transizione a base vegetale.

Sfondo

Il Plant Based Treaty ha lo status ufficiale di osservatore delle Nazioni Unite ed è candidato al premio Earth Shot 2024. L'iniziativa si ispira ai trattati che hanno affrontato le minacce dell'assottigliamento dello strato di ozono e delle armi nucleari ed è stata approvata da 22 città, tra cui Edimburgo, Los Angeles e Didim, in Turchia, e ha attirato il sostegno di 120.000 sostenitori individuali, 5 premi Nobel, scienziati dell'IPCC e più di 3.000 gruppi e aziende, tra cui l'Alleanza per la Salute del Regno Unito sul Cambiamento Climatico e le sezioni di Greenpeace e Amici della Terra.

Il Trattato sui Prodotti Vegetali ha ottenuto l'appoggio di personalità di alto profilo, tra cui Chris Packham e Paul, Mary e Stella McCartney, che hanno rilasciato una dichiarazione scritta in cui invitano i politici a sostenere il Trattato sui Prodotti Vegetali. Hanno dichiarato: "Crediamo nella giustizia per gli animali, l'ambiente e le persone. Per questo sosteniamo il Trattato sui prodotti vegetali e invitiamo i singoli e i governi a firmarlo".

www.plantbasedtreaty.org