2023 Comunicati stampa

Il rapporto lanciato alla COP28 dice che è tempo di negoziare il cambiamento della dieta a base vegetale per proteggere il clima e altri confini planetari in pericolo

Al Gore dice a Moby "la relazione tra la produzione di carne e latticini e il cambiamento climatico è la vera verità scomoda".

Contatti con i media:

Dubai:

Dubai: Steven George, ambasciatore scientifico di Plant Based Treaty, +31 6 48072566, [email protected]

Globale: Anita Krajnc, coordinatrice della campagna globale del Plant Based Treaty, +1 416-825-6080, [email protected]

File multimediali:
https://drive.google.com/drive/u/0/folders/1MhnotG7L3x0YFY2kULj4YsK-Qm3y6BUg
Video della conferenza stampa:
https://drive.google.com/file/d/1c6LvRprjbsvpHjG6NXlxQM3Mgibk1Ijx/view?

10 dicembre 2023, Emirati Arabi Uniti - Celebrità, tra cui Maggie Baird e Moby, hanno appoggiato il Trattato Plant Based del Rapporto sicuro e giusto lanciato durante una conferenza stampa domenica 10 dicembre, in occasione della Giornata dell'alimentazione, dell'agricoltura e dell'acqua della COP28. Il rapporto chiede che i negoziati sul clima includano una transizione sicura e giusta a base vegetale che sostenga tutti.

Il rapporto rivela l'urgenza di affrontare la trasgressione dei confini planetari esaminando l'impatto del sistema alimentare sul cambiamento climatico, il cambiamento di uso del suolo, l'acidificazione degli oceani, la perdita di biodiversità, l'uso di acqua dolce e l'inquinamento da azoto e fosforo. Il rapporto Safe and Just presenta un quadro di economia della ciambella vegana all'avanguardia, adattato da Doughnut Economics di Kate Raworth, e adotta un approccio scientifico e di sistema socio-economico che collega il mandato scientifico ad agire con le proposte politiche del Plant Based Treaty.

Paul Wesley, attore e star di Star Trek e The Vampire Diaries, ha dichiarato: "Dobbiamo affrontare il problema dell'agricoltura animale per fermare la distruzione del clima, degli oceani e della biosfera della Terra. Il nuovo rapporto del Plant Based Treaty , Safe and Just, fornisce un progetto per una transizione verso un sistema alimentare sostenibile a base vegetale".

Louis-Philippe Loncke, esploratore e avventuriero di fama mondiale, imprenditore, ambasciatore del Jane Goodall Institute in Belgio, ha dichiarato: "Il rapporto Safe and Just è tutto ciò che dobbiamo sapere su ciò che sta accadendo con la crisi. Personalmente trovo che l'approccio dell'economia della ciambella al sistema alimentare sia un ottimo strumento visivo per capire rapidamente quanto seriamente dobbiamo cambiare il nostro comportamento. È una scelta politica, è una scelta personale di consumo, ma deve essere fatta da tutta l'umanità e in fretta. L'intera sostenibilità della vita come la conosciamo dipende da queste decisioni".

Moby, musicista e sostenitore del Plant Based Treaty, ha dichiarato: "Anni fa ho parlato con Al Gore e mi ha detto che 'la relazione tra la produzione di carne e latticini e il cambiamento climatico è la vera verità scomoda'".

Carlos Nobre, meteorologo brasiliano e uno degli autori dell'IPCC AR4 premiato con il Nobel per la pace nel 2007, ha dichiarato: "L'Amazzonia è la più grande foresta tropicale ed è molto vicina al punto critico di diventare un ecosistema degradato a cielo aperto. Il Plant Based Treaty è molto importante per sviluppare una nuova bioeconomia sociale in Amazzonia, basata su centinaia di prodotti della sua ricca biodiversità per produrre alimenti molto salutari".

Maggie Baird, fondatrice di Support + Feed e madre di Billie Eilish e FINNEAS, ha dichiarato: "Il sistema alimentare deve svolgere un ruolo vitale nella soluzione della crisi climatica. Non risolveremo questo problema esistenziale concentrandoci solo sui combustibili fossili. Il nuovo rapporto del Plant Based Treaty fornisce un progetto di transizione verso un sistema alimentare a base vegetale giusto, sicuro, equo e sostenibile".

Gregory Cipes, attore, voce di Beast Boy in Teen Titans, Teen Titans Go! ha dichiarato: "Sono un servitore del cane, quindi di tutti gli animali. È nostra responsabilità e dono prenderci cura del gregge di tutto il creato. Una vera alleanza significa unità, rispetto, abbondanza e pace per tutti gli animali, compresi quelli umani. Il rapporto Plant-Based Treaty Safe and Just è un'ottima soluzione per contribuire a diffondere più amore e consapevolezza a favore di tutte le creature grandi e piccole!".

Ben Parker, consigliere del Partito Verde Scozzesedel Consiglio della città di Edimburgo, ha dichiarato: "Il ruolo del cibo sostenibile a base vegetale è il pezzo mancante del puzzle dell'azione ambientale. Il rapporto Safe and Just del Plant-Based Treaty mostra come le città possano promuovere e aumentare l'accesso agli alimenti di origine vegetale, aiutando le comunità a prosperare nel rispetto dei nostri limiti planetari. A Edimburgo, siamo orgogliosi che il Consiglio abbia firmato il Plant Based Treaty e stia sviluppando un ambizioso piano d'azione per far sì che gli obiettivi e le ambizioni del trattato prendano vita sul campo per i cittadini della città".

Henry Smith, deputato, Il rapporto Safe and Just del Plant Based Treaty descrive in dettaglio il degrado e gli impatti diffusi dell'espansione dell'agricoltura animale sui nostri confini planetari. Ci offre anche una speranza e un percorso verso un sistema alimentare più sostenibile ed etico, a beneficio della salute della Terra e di coloro che la chiamano casa".

Graham Neale, consigliere del Consiglio di Southwark, ha dichiarato: "Come sottolineato nel rapporto Safe and Just del Plant-Based Treaty, il passaggio a diete a base vegetale è assolutamente necessario se vogliamo evitare punti di svolta catastrofici per il clima, la deforestazione e la biodiversità. Ciò richiede un'azione e una riforma delle politiche a tutti i livelli di governo, dai consigli comunali alle Camere del Parlamento".

Sada Sayed, attrice indiana, ha dichiarato: "Le emissioni alimentari sono le responsabili silenziose del cambiamento climatico. Il rapporto del Plant Based Treaty evidenzia l'urgente necessità di passare a soluzioni a base vegetale per il bene del nostro pianeta e delle generazioni future."

Sri DivyaQuando ci si rende conto che un semplice cambiamento nella propria dieta può ridurre in modo significativo l'immenso danno alla Terra e, in ultima analisi, a noi stessi, penso che dovremmo adottare e mettere in pratica questo cambiamento positivo con tutto il cuore. L'ultimo rapporto del Plant-Based Treaty, intitolato 'Safe and Just', sui nostri sistemi alimentari è allarmante".

Steven Georgecoautore del rapporto Safe and Just e ambasciatore scientifico del Plant Based Treaty, ha dichiarato: "Gli scienziati ci hanno avvertito che, anche se oggi eliminiamo gradualmente i combustibili fossili, le emissioni alimentari da sole sono sufficienti a rendere irraggiungibili gli obiettivi di 1,5°C e 2°C. I modelli climatici dell'IPCC ipotizzano che il sistema alimentare si trasformerà da fonte a pozzo di carbonio nei prossimi due decenni, ma vediamo poche azioni in questa direzione. La transizione del sistema alimentare globale è altrettanto importante dell'eliminazione graduale dei combustibili fossili, e l'agricoltura animale è al centro del degrado della biosfera."

Anita Krajnc, coautrice del rapporto Safe and Just e coordinatrice della campagna globale di The Plant Based Treaty, afferma: "La COP28 deve mettere il cambiamento della dieta al centro dei colloqui sul clima. Il consumo globale pro capite di carne, latticini e uova ha subito un'accelerazione a partire dagli anni Cinquanta, contribuendo alla violazione di cinque confini planetari, in particolare il cambiamento climatico, il cambiamento di uso del suolo, la biodiversità, il fosforo e l'azoto e l'uso dell'acqua. Abbiamo bisogno di un piano d'azione coraggioso per passare a un sistema alimentare a base vegetale prima del prossimo Global Stock Take della COP30. Ciò richiede un'azione a tutti i livelli per prosperare attraverso la sicurezza alimentare, i diritti degli indigeni, il divieto di esportazione di animali vivi, il finanziamento di alimenti a base vegetale, massicce campagne di educazione pubblica e l'inverdimento delle città".

Nicola Harriscoautrice del rapporto Safe and Just, ha dichiarato: "Abbiamo bisogno di una cooperazione locale, nazionale e internazionale per ridurre gli impatti alimentari con le diete a base vegetale. Le città possono essere all'altezza della loro reputazione di campioni globali del clima integrando le strategie alimentari a base vegetale nei loro piani d'azione per il clima esistenti e nei programmi interconnessi che affrontano la biodiversità, la povertà alimentare e la salute delle comunità".

Juliet Gellatleyfondatrice e direttrice di Viva! ha dichiarato: "Il nuovo rapporto del Plant-Based Treaty è una lettura fondamentale che ci aiuterà a garantire il futuro del nostro pianeta.

Il rapporto Safe and Just estende l'emergenza ambientale oltre la sola crisi climatica e mostra come l'agricoltura animale sia alla base di quasi tutti i problemi ambientali che stiamo affrontando. Evidenzia che la domanda di carne, latticini, pesce e uova è alla base della sesta estinzione di massa. Questo riconoscimento è fondamentale perché la sopravvivenza dell'umanità dipende da un ecosistema sano. Senza la fauna selvatica, non sopravviveremo.

È necessaria una transizione dall'agricoltura animale verso un sistema alimentare vegano che sia più gentile con il nostro pianeta e con gli animali e questo rapporto fornisce la mappa perfetta per innescare questo cambiamento."

Naomi HallumIl rapporto Safe and Just è una dichiarazione che apre gli occhi e che illustra chiaramente ciò che deve essere fatto - a livello individuale, istituzionale e globale - se vogliamo un sistema alimentare sicuro e sostenibile e un pianeta in grado di sostenere le generazioni future. Vi prego di condividere questo rapporto cruciale con tutti coloro che vogliono costruire un mondo migliore".

Jane Velez-MitchellPresidente di UnchainedTV, ha dichiarato: "L'economia della ciambella vegana è semplicemente la cosa migliore emersa dalla COP28. È anche l'unico sviluppo di cui possiamo dire con certezza che non è stato elaborato in qualche stanza sul retro sotto la supervisione delle industrie che stanno creando la crisi climatica: Big Meat, Big Oil. È stato il popolo del Trattato Plant Based a fornire una boccata d'aria fresca, di cui c'era bisogno, a questo evento ormai tristemente compromesso".

Trevor Cluthé, Gruppo locale di Greenpeace Toronto, ha dichiarato: "È imperativo esaminare il ruolo delle diete a base vegetale per contribuire ad affrontare la crisi climatica e la violazione di molti altri confini planetari come la deforestazione e l'acidificazione degli oceani. Il trattato sulla dieta a base vegetale Sicuro e Giusto presenta un piano d'azione coraggioso che ci aiuterebbe a risvegliare e ripristinare la natura".

Principali risultati del rapporto: 

Scienza

  • Il cambiamento della dieta ha un potenziale trasformativo per ridurre l'impatto del cibo sul cambiamento climatico, sull'uso del suolo, sulla biodiversità, sull'uso dell'acqua dolce, sull'acidificazione degli oceani e, come futuro serbatoio di carbonio, per rafforzare la resilienza della biosfera.
  • Anche se le emissioni di combustibili fossili cessassero oggi, le emissioni alimentari globali da sole renderebbero impossibile il limite di 1,5°C previsto dall'Accordo di Parigi e difficile la realizzazione dell'obiettivo di 2°C.
  • L'attenzione alle emissioni di carbonio, o "visione del tunnel del carbonio", può far passare in secondo piano altre crisi planetarie interconnesse, in particolare la rapida perdita di biodiversità, che è parte integrante dei sistemi terrestri e influenza i meccanismi di retroazione negli oceani e nella terraferma in grado di ridurre o intensificare gli effetti del riscaldamento globale.

Economia della ciambella vegana

  • Il Plant Based Treaty sostiene la transizione a base vegetale e il rewilding. Ispirato al concetto di confini sicuri e giusti del sistema Terra di Johan Rockström e alla Doughnut Economics di Kate Raworth, il rapporto Safe and Just fornisce un quadro di riferimento per la transizione del sistema alimentare globale a base vegetale entro i tempi previsti per il net zero. 
  • Un sistema alimentare a base vegetale offre l'opportunità di sfamare il mondo con appena 1 miliardo di ettari di terreno e di rivitalizzare tre quarti dei terreni agricoli. 
  • I popoli indigeni sono in prima linea come difensori della terra e devono affrontare uccisioni sproporzionate legate al settore agroalimentare. In Amazzonia, il principale motore della deforestazione è l'espansione della produzione di soia per l'alimentazione degli animali da allevamento. 
  • Il consumo globale pro capite di carne è cresciuto costantemente a partire dagli anni '80. Tra l'inizio degli anni '80 e l'inizio del 2020, il consumo di carne è passato da circa 30 kg all'anno a circa 45 kg all'anno, con un aumento del 50% in questo breve lasso di tempo. (Vedi immagine nel file multimediale) Fonte: William J Ripple, Christopher Wolf, Jillian W Gregg, Johan Rockström, et al, Rapporto sullo stato del clima 2023: Entrare in un territorio inesplorato, BioScience, 24 ottobre 2023.
  • Secondo un rapporto della Banca Mondiale del 2023, a livello globale si spendono 23 milioni di dollari al minuto per sovvenzionare l'agricoltura animale e le industrie dei combustibili fossili. Tra il 2015 e il 2020, le aziende produttrici di carne e latticini hanno ricevuto oltre 478 miliardi di dollari da più di 2.500 società di investimento, banche e fondi pensione. Il Trattato Plant Based chiede un importante riorientamento dei sussidi che promuovono l'aumento del consumo di carne e latticini, per riorientare i fondi destinati all'educazione e migliorare l'accessibilità agli alimenti sostenibili a base vegetale.

Città

  • Amsterdam dovrebbe unirsi a Los Angeles ed Edimburgo, diventando la 23esima città a sottoscrivere l'appello per un Trattato Plant Based dopo un annuncio a fine novembre 2023: "Firmeremo il Trattato Plant Based, inviando un segnale forte che approva i principi dell'Accordo sul clima di Parigi del 2015 e che necessita di un sistema alimentare circolare e neutrale dal punto di vista climatico".

Sfondo

Il Plant Based Treaty ha lo status ufficiale di osservatore delle Nazioni Unite ed è candidato al premio Earth Shot 2024. L'iniziativa si ispira ai trattati che hanno affrontato le minacce dell'assottigliamento dello strato di ozono e delle armi nucleari ed è stata approvata da 22 città, tra cui Edimburgo, Los Angeles e Didim, in Turchia, e ha attirato il sostegno di 120.000 sostenitori individuali, 5 premi Nobel, scienziati dell'IPCC e più di 3.000 gruppi e aziende, tra cui l'Alleanza per la Salute del Regno Unito sul Cambiamento Climatico e le sezioni di Greenpeace e Amici della Terra.

Il Trattato sui Prodotti Vegetali ha ottenuto l'appoggio di personalità di alto profilo, tra cui Chris Packham e Paul, Mary e Stella McCartney, che hanno rilasciato una dichiarazione scritta in cui invitano i politici a sostenere il Trattato sui Prodotti Vegetali. Hanno dichiarato: "Crediamo nella giustizia per gli animali, l'ambiente e le persone. Per questo sosteniamo il Trattato sui prodotti vegetali e invitiamo i singoli e i governi a firmarlo".

www.plantbasedtreaty.org